Latte di cocco: utilizzi e benefici

Aug 5, 2020 | Salute e benessere

Il latte di cocco è una bevanda vegetale che si ottiene dalla spremitura della polpa della noce di cocco. Da non confondere con l’acqua di cocco, dalla consistenza e proprietà diverse. Lo trovate molto facilmente nei grandi supermercati o nei negozi etnici e si presenta solitamente in lattina.

Latte di cocco: benefici

Il latte di cocco è ricco di minerali, quali selenio, magnesio, potassio, ferro e zinco. Ottima fonte di vitamine C ed E. È quindi un ingrediente dalle proprietà antiossidanti.

Il latte di cocco è ricco di grassi saturi, è quindi un alimento molto calorico, ma da un enorme senso di sazietà, grazie anche alla fibra presente al suo interno. Inoltre, una buona parte dei suoi grassi è composta dall’acido laurico, il quale aiuta a diminuire i valori del colesterolo “cattivo”, a favore di quello “buono”, prevenendo la comparsa di malattie cardiovascolari.

L’unica accortezza è quella di moderare le porzioni, poiché 100 gr di latte di cocco contengono 197 kcal.

Latte di cocco: utilizzi

Molto comune nei paesi caraibici e nei paesi asiatici, quali Filippine, Malesia, Thailandia, e molti altri, in cucina, il latte di cocco viene utilizzato principalmente come sostituto del latte vaccino, essendo molto simile di consistenza e colore. Il latte di cocco, però, si differenzia dal latte vaccino, poiché si tratta di un prodotto totalmente vegetale. È quindi utilizzato molto nella dieta vegana, inoltre non contiene lattosio, soia e glutine e può quindi essere consumato da persone che presentano intolleranze o allergie a tali sostanze.

Viene utilizzato anche nella cosmesi in quanto presenta un’azione emolliente e idratante. Creme a base di latte di cocco sono ottime, quindi, per una pelle secca o d’estate, in caso di scottature. Ottimo anche come struccante, ma considerato il suo prezzo, è più conveniente utilizzare l’olio di cocco che strucca alla perfezione anche il trucco waterproof. Anche nei capelli ha ottime proprietà idratanti, utilizzato come impacco preshampoo, rendendoli morbidi e lucidi, e limitandone la forfora per chi soffre di questo problema.

Latte di cocco: ricette

E veniamo quindi a come utilizzare questo magico ingrediente in cucina. Si può utilizzare nelle ricette salate per dare un gusto tropicale, ma molto versatile nei dessert, grazie al suo gusto tendente al dolce.

 

Piña Colada

Ci trasferiamo con la notra prima ricetta a Porto Rico con un cocktail rinfrescante a base di ananas, latte di cocco e rum. Dosi per un cocktail.

Ingredienti:

  • una fetta di ananas
  • succo 100% di ananas 90gr
  • rum bianco 30gr
  • latte di cocco 30gr
  • ghiaccio 80gr

Procedimento:

Mettete in un frullatore il succo d’ananas, una fetta di ananas, il latte di cocco, il rum bianco e il ghiaccio e frullate fino ad ottenere la consistenza tipica del cocktail, abbastanza cremosa. Versate nel vostro bicchiere e guarnite a piacimento, per esempio con una fettina di ananas.

Versione analcolica:

Sostituite la quantità di rum con la stessa quantità di latte di cocco, avendo in totale quindi 60gr di latte di cocco. Il procedimento è il medesimo della versione alcolica, tralasciando ovviamente il rum.

 

Pollo al curry e latte di cocco

Per questa ricetta ci trasferiamo in Asia, precisamente in Thailandia! Il pollo al curry è ottimo con del riso basmati cotto al vapore. Vi spiego subito come lo realizzo io. Le dosi sono per 4 persone.

Ingredienti:

  • pollo 700gr
  • farina 00 o amido di mais 1 cucchiaino
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • due scalogni
  • curry in polvere 1 cucchiaino
  • latte di cocco 400ml
  • sale q.b.

Procedimento:

Tagliate le fettine di pollo in modo da ricavarne dei bocconcini.

Preparate la crema al curry unendo il curry, la farina o l’amido, il sale e il latte di cocco. Mischiate bene con una frusta per eliminare tutti i grumi.

In una padella o un wok fate scaldare un paio di cucchiai di olio d’oliva e soffriggete i due scalogni tagliati a pezzetti. Quando si saranno appassiti per bene, aggiungete i bocconcini di pollo e fate rosolare il tutto per un paio di minuti a fiamma media.

Unite la crema al curry che avete precedentemente preparato e mescolate per insaporire bene. Continuate a cuocere fino a quando il pollo non sarà cotto e la salsa avrà ottenuto una consistenza cremosa.

Varianti:

Per la versione veg potete sostituire il pollo con 400gr di tofu o per gli amanti del pesce, sostituite il pollo con 700gr di gamberi. Il procedimento resta lo stesso, possono variare i tempi di cottura, che saranno più brevi.

 

Mango con riso al cocco

Conosciuto anche come ‘Sticky rice mango‘ è un dolce sempre della tradizione thailandese. Semplicissimo da realizzare, andiamo a vedere come. Le dosi sono sempre per 4 persone.

Ingredienti:

  • riso glutinoso 300gr
  • 2 manghi
  • latte di cocco 400gr
  • zucchero o altro dolcificante 2 cucchiai
  • sale un pizzico

Procedimento

Sciacquate bene il riso e cuocetelo in un pentolino con abbastanza acqua da ricoprire il riso di un paio di cm. Portate a ebollizione, abbassate la fiamma e coprite con un coperto e continuate a cuocere per 20 minuti finché il riso non avrà assorbito tutta l’acqua. Lasciate riposare.

In un pentolino a parte fate bollire il latte di cocco. Una volta raggiunta l’ebollizione, aggiungete lo zucchero e il sale e spegnete il fuoco.

Versate sopra il riso 3/4 del latte di cocco, mescolate e lasciate riposare per 10 minuti.

Al momento di impiattare servite le quattro porzioni di riso in quattro ciotoline, accompagnate ciascuna da una metà di mango tagliato a cubetti e scaldate il restante latte di cocco che andrete a servire caldo sul momento.

 

Gelato vegan al latte di cocco

Con il latte di cocco potete realizzare gelati cremosissimi senza derivati del latte, quindi adatto anche agli intolleranti e ai vegani. È semplicissimo realizzarlo e potete ricreare tutti i gusti che preferite.

Ingredienti:

  • latte di cocco 400gr
  • gusto del gelato che volete riprodurre (mango, banana, cocco, cioccolato, menta, fragola, vaniglia, pistacchio e via di fantasia)
  • dolcificante, se necessario

Procedimento:

Ci sono due diversi metodi, altrettanto efficaci, in base alla tipologia di ingredienti che andate ad utilizzare.

Il primo procedimento è adatto se utilizzate della frutta. Scegliete della frutta bella matura, così otterrete un gelato naturalmente molto dolce. Tagliatela a pezzetti e mettetela in freezer per almeno 6-8 ore. Una volta trascorso questo tempo, mettete la frutta congelata in un frullatore con il vostro latte di cocco e cominciate a frullare finchè non raggiunge una consistenza molto cremosa. A questo punto il vostro gelato è pronto, potete gustarlo subito o conservarlo in freezer. Prima di consumarlo, lasciatelo scongelare una ventina di minuti. Potete seguire come esempio questo video di Cucina Botanica dove Carlotta mostra la ricetta del gelato al mango con il latte di cocco. Ma potete utilizzare la frutta che preferite.

Il secondo procedimento è invece adatto a tutti quei gusti in cui non è presente la frutta fresca, in cui andrete a congelare il latte di cocco, anziché la frutta. Versate il latte in uno stampino per ghiaccio e mettete in freezer. Fate congelare per 6-8 ore come nell’altro procedimento e successivamente frullate con gli ingredienti che avete scelto. Se lo necessitate, in assenza della frutta che rende il gelato naturalmente dolce, potete decidere di dolcificare a vostro piacimento. A me piace aggiungere un paio di cucchiai di sciroppo d’agave, ma sentitevi liberi di scegliere il dolcificante che più preferite. Anche in questo caso, dopo aver frullato il tutto, il vostro gelato è pronto e potete decidere se mangiarvelo subito o conservarlo in freezer. Per il secondo metodo mi sono ispirata al video di Elefanteveg in cui Alessia ed Eric vi mostrano come realizzare un gelato vegan alla nocciola. I gusti sono infiniti, potete aggiungere come ingredienti dell’estratto di vaniglia, cacao, cocco, cannella e zenzero, menta fresca con delle gocce di cioccolato, caffè solubile, altra frutta secca oltre alla nocciola, come pistacchio, burro di arachidi o mandorle, oppure polvere di matcha per ottenere il gusto al tè verde, insomma, potete davvero sbizzarrirvi e creare anche combinazioni uniche.

 

Panna cotta al latte di cocco

Altro dessert, non potevo non inserire la panna cotta! Il latte di cocco è l’ingrediente perfetto grazie alla sua consistenza per realizzare una versione vegana e senza lattosio della panna cotta.

Ingredienti:

  • latte di cocco 400gr
  • bevanda vegetale (soia, mandorla, riso, avena, ecc.) 100gr
  • sciroppo d’agave o altro dolcificante 80gr
  •  agar agar un cucchiaino
  • topping a piacere

Procedimento:

Sciogliete in un pentolino l’agar agar nella bevanda vegetale che avete scelto, amalgamandolo bene con una frusta. Aggiungete anche il latte di cocco e il dolcificante e mettete sul fuoco. A fiamma medio-bassa portate a bollore e continuate a cuocere per ancora una decina di minuti mescolando continuamente. Una volta trascorsi i 10 minuti versate il composto nei contenitori per la panna cotta e fate raffreddare a temperatura ambiente. Successivamente riponete la panna cotta in frigorifero e fate raffreddare per almeno un paio d’ore in modo da far rassodare bene il composto. Guarnite a piacere, per esempio con dei frutti di bosco, della marmellata di fragole, del cioccolato sciolto, del caramello o se vi piace la semplicità, potete anche gustare la panna cotta al naturale.

 

 

Queste erano le mie ricette preferite dove utilizzo il latte di cocco. Voi lo conoscevate già? Se ricreate qualche ricette elencata qui sopra condividetela inviandomi un messaggio o taggandomi sui social. A presto!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: